Il Padel

 In BLOG

Cos’è il Padel?

Il Padel nacque negli anni ‘70 in Messico, per pura casualità, grazie ad Enrique Corcuera che, con l’intento di costruire un campo da tennis a domicilio e non avendo molto spazio a disposizione, creò il primo campo con dei muri vicino alle linee di gioco. 

Negli anni, partito dall’essere del tutto amatoriale, ha iniziato a crescere anche dal punto di vista agonistico e a diffondersi dapprima in Argentina e in America per poi approdare in Europa. Divenne famosissimo in Spagna e poi nel febbraio 1991 in Italia nacque la prima Federazione Italiana Gioco Padel.

Il Padel si pratica con una racchetta a piatto pieno con dei fori, più piccola rispetto a quella da tennis, e con palline, simili esteticamente a quelle da tennis, ma con una pressione inferiore. 

Il campo (indoor o outdoor) è diviso da una rete ed è di dimensioni ridotte (10metri x 20metri). È circondato posteriormente e lateralmente da vetri e rete metallica, con due vie di fuga laterali. 

È possibile interagire con queste barriere e non esiste il “fuori campo”, però non è possibile giocare direttamente sulle sponde. Le vie di fuga laterali servono per poter rimettere in gioco le palline che l’avversario è riuscito a mettere al di fuori della struttura di gioco.

Le regole sono molto simili a quelle del tennis: si gioca in doppio con due atleti per squadra e il conto del punteggio è uguale a quello del tennis.

Il Padel negli ultimi anni ha registrato un importante aumento di popolarità in Italia, classificandosi tra gli sport più praticati.

Il successo di tale sport è dovuto a molteplici fattori: ha costi bassi per i praticanti, è di facile apprendimento, è possibile raggiungere un buon livello in tempi relativamente veloci e si può praticare in strutture vicino i centri abitati ed anche indoor.

È uno sport semplice e divertente e offre numerosi vantaggi a chi lo pratica

Può essere un semplice momento di ritrovo dato che, rispetto ad altri sport di squadra, è più facile raggruppare 4 persone per giocare una partita, ma può anche essere un ottimo modo per fare attività motoria e tenersi in forma senza compiere movimenti eccessivamente aggressivi. Per questi motivi può essere praticato ad ogni livello e ad ogni età.

Preparazione atletica nel Padel

Velocità, dinamismo e fatica.

Il Padel ha un ritmo di gioco molto elevato con cambi di direzione repentini, scambi veloci e battute. Entrare in campo senza una preparazione adeguata e specifica può portare ad andare in carenza di ossigeno, arrivando già dopo il primo set con fiato corto e debolezza muscolare.

Velocità ed esplosività rendono questo sport particolarmente allenante, sia dal punto di vista aerobico che anaerobico, tuttavia per poter migliorare nella tecnica di gioco e nella performance è necessaria una preparazione atletica specifica.

La preparazione atletica non differisce molto da quella per il tennis ma va a focalizzarsi su alcune caratteristiche distintive di questo sport: il Padel, ad esempio, ha tempi di recupero più veloci rispetto al tennis e al contempo richiede sforzi muscolari elevati. Anche esercizi che richiamano la dinamica di gioco (capacità attentive, coordinazione, agilità e gioco di gambe) non devono essere tralasciati nella preparazione. Tutto questo permette non solo di migliorare resistenza, performance e divertimento ma anche di evitare infortuni.

Il rimbalzo della palla contro le pareti da un lato aiuta i giocatori a rispondere all’azione avversaria, dall’altro richiede concentrazione e capacità adattiva nella risposta di gioco. Proprio per questi motivi la costruzione di una buona base aerobica è imprescindibile per prepararsi al meglio ad una partita. A questa andranno affiancate sessioni di rinforzo e potenziamento muscolari su vari distretti e sul core, allenamento della propriocettività e stretching.

Sono un principiante, come posso migliorare?

Se hai iniziato da poco a giocare a Padel e non pratichi nessun’altra attività fisica, il mio consiglio è quello di dedicare almeno due giorni a settimana ad allenamenti di tipo aerobico e di rinforzo muscolare per poter sostenere al meglio l’impegno della partita. Ecco alcuni esempi:

Lavoro aerobico: dedicare almeno 30/40 minuti a settimana ad un’attività aerobica come corsa, bici o jogging oltre ad avere un effetto benefico sul sistema cardio-respiratorio. Considerando che un match dura circa 60 minuti, questo tipo di allenamento prepara articolazioni e muscoli a sostenere uno sforzo di lunga durata.

Lavoro anaerobico: nel Padel è fondamentale sviluppare anche forza e resistenza muscolare. Può essere utile eseguire esercizi a circuito con intensità di lavoro 2:1 tra esercizio e recupero. Affondi, squat e squat isometrico, plank frontale e reverse plank, mountain climber intervallato con salti verso l’alto, push up, sono solo alcuni degli esercizi che possiamo inserire in un circuito in cui andiamo ad allenare tutti i distretti muscolari.

Stretching e Propriocettività: Semplici esercizi di allungamento muscolare e mobilità aiutano nel recupero. La propriocezione aiuta nella coordinazione e nella fluidità del gesto atletico, esercizi sport-specifici sono alla base di una buona preparazione atletica.

Se invece hai iniziato a praticare questo sport da poco tempo ma pratichi qualche altra attività sportiva durante la settimana, il mio consiglio è quello di inserire nella tua routine di allenamento qualche attività specifica per il Padel in modo da poter migliorare la performance del gesto.

Se già corri abitualmente, prova ad inserire qualche allenamento di corsa per intervalli: ad esempio, dopo 10’ di riscaldamento fai 30’’ di corsa a ritmo sostenuto seguita da 30’’ di corsa a ritmo blando, ripeti per 5-6 volte e poi fai una pausa. Questo tipo di allenamento aiuta a migliorare resistenza, cioè capacità aerobica, e velocità, aumentando anche la soglia anaerobica e il VO2max.

Oltre al lavoro muscolare a circuito inserisci esercizi di potenziamento degli arti superiori: utilizzando una banda elastica è possibile eseguire semplici esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione dei muscoli intra-extra rotatori della spalla.

Non tralasciare lo stretching e gli esercizi di equilibrio statico e dinamico perché sono parte integrante di una buona preparazione atletica per il Padel.

 

Sono un giocatore esperto di Padel, come posso migliorare la mia performance?

Se sei un esperto di Padel e lo pratichi con continuità, il mio consiglio è quello di dedicare almeno due giornate a settimana alla preparazione atletica specifica per questo sport.

Come suggerito prima, l’allenamento per intervalli è molto utile per prepararti ai numerosi cambi di ritmo e scatti che dovrai affrontare durante la partita. Prova questo allenamento di corsa: 10’ di riscaldamento, ripeti per 3 volte 4 x (30’’ a ritmo sostenuto e 30’’ a ritmo blando) inserendo tra una serie e l’altra 2 minuti di recupero da fermo.

Oltre al rinforzo muscolare di base prova ad inserire esercizi con una forte componente di instabilità per migliorare la risposta di tutti i muscoli stabilizzatori e posturali.

Nel padel la tua colonna vertebrale è sottoposta a grandi sollecitazioni soprattutto in torsione, per prevenire infortuni e mal di schiena è importante rinforzare la muscolatura addominale e il core con esercizi specifici. Inserisci sempre due o tre esercizi di rinforzo da svolgere prima o dopo l’allenamento.

Non meno importante è l’allenamento dell’equilibrio statico e soprattutto dinamico: questo allenamento ci permette di fare la differenza soprattutto a fondo campo, dove il rimbalzo della palla con le pareti richiede un ottimo posizionamento del corpo e gestione dell’appoggio dei piedi per poter rispondere all’avversario in modo efficace. Esistono tantissimi esercizi per ricreare in instabilità il gesto atletico specifico, si possono utilizzare ad esempio palle mediche, elastici e fitball.

Un giocatore di padel se vuole migliorare il proprio gioco, divertirsi e ridurre al minimo il rischio di infortuni deve avere una adeguata preparazione fisica. Nello specifico questo sport richiede un buon allenamento di tipo aerobico, di forza e soprattutto di coordinazione, agilità e destrezza per migliorare la qualità del gioco e l’economia del gesto atletico.

Presso il nostro centro Fisioterapia Parma potrai trovare competenza e professionalità per migliorare la tua performance e recuperare al meglio da un infortunio.

A cura di: Elisa Adorni

  • Laureata in Scienze motorie
  • Specializzata in Attività fisica adattata
  • Allenatrice di corsa e personal trainer
  • Atleta Asicsfrontrunner Italia
  • Istruttrice di Pilates

A cura di: Emanuele Fidanzio

  • Fisioterapista
  • Sport Physical Therapist student
  • Esercizio terapeutico
  • Terapia manuale in patologie muscolo-scheletriche
  • Bendaggio funzionale
emanuele-fidanzio
Recent Posts